De Humana Maiestate (2012)

by S.R.L.

/
1.
04:26
2.

about

S.R.L. - "De Humana Maiestate" (Revalve Records)
Digipack CD version - Out on October 1st , 2012.
Jewel case CD version - Out on April 29th, 2013.

Tracklist:

Prologo - Torto
01. Incipit

Atto 1 - Dolore
02. Sangue Fresco
03. Cicatrici
04. Nottetempo

Atto 2 - Rabbia
05. Il Girotondo dei Dannati
06. Nel nome del Padre
07. Denti Serrati

Atto 3 - Vendetta
08. Le Ali del corvo
09. Pensieri dal Buio
10. Ricordatevi di Jack

Interludio - Appagamento
11. L'Occhio del Lupo (La Fredda Gloria dell'Umana Maestà)

Epilogo - Dannazione
12. Excipit

For infos feel free to write to info@s-r-l.it

credits

released October 1, 2012

Revalve Records (www.revalverecords.com/store_De_Humana_Maiestate.html)

tags

license

all rights reserved

about

S.R.L. Terni, Italy

S.R.L. is a band formed in 1992 in Terni, Umbria (the green heart of Italy).
Countless shows and several releases hasn't stopped the band to keep going and on July 8th, 2013 their new EP «Unus Et Viginti» will be released.

contact / help

Contact S.R.L.

Track Name: Cicatrici
Di lei ricordo il respiro, il calore
quando alla luce restava nascosta
Ricordo di lei la voce, la pelle
e tra labbra di seta, sorrisi al diamante
Quando restava celata alla luce
salto nel vuoto, sfida lanciata
Tra le mie braccia, splendente di grazia
in sfregio allo sguardo geloso di Dio

Perso in un bosco di riccioli neri
attendevo l’aurora
Il suo volto, porcellana
appena bagnato di luna
Allo squarciarsi dell’ultimo velo
d’argento, di sangue, brillante!
Folle, selvaggia artigliava la schiena
Il mio corpo ed il suo, uniti

Urla per riempire il silenzio
nascondono il tempo sprecato
Stormi di parole non dette
sul mio corpo, come corvi

In un bacio al vetriolo l’oscura passione
di vita, di morte, falsa o reale deve essere mia

Incubi vividi dietro le palpebre fantasmi impazziti
Come svegliarsi abbracciando un cadavere alla fine del sogno

Mia

Schegge di ghiaccio nel petto
mi trafiggono l’anima
Ricordi di notti, di candide spalle
Realizzo di essere solo

Solo

Cicatrici raccontano ora, eterna memoria
di quello che avevo, di quello che ho perso

È un dolce dolore che canta di te
Senza parole, soltanto per te.
Track Name: Pensieri dal Buio
Il mostro che mi spia dallo specchio
Ogni notte, ogni notte sogghigna
Travestito da ricordo
Stringe artigli sulla gola e strappa
Non ascolta - le mie scuse
Mi regala sogni oscuri e urla
La sua rabbia - la mia voce
La mia bocca riempita di sangue
Come i lupi sulla traccia della preda
I miei incubi rincorrono
Sui sentieri più segreti
Mi condannano a potenza e forza
Una vita senza amore
Di fantasmi nella nebbia e pioggia
Il rimpianto della Notte
Quando il Sole la violenta ancora, e ancora!

Άνω ποταμῶν ίερῶν χωροῦσι παγαί,
καὶ δίκα καὶ πάντα πάλιν στρέφεται.
ἀνδράσι μὲν δόλιαι βουλαί,
θεῶν δ’οὐκέτι πίστις ἄραρε
(«Le correnti dei fiumi sacri rifluiscono alle sorgenti e la giustizia e tutto si capovolge.
Fraudolente decisioni sono agli uomini e non più salda resta la fede negli Dei»
Euripide, Medea, vv. 410-415)

Pensieri sgorgati dal buio
Per lenire il mio dolore
Accarezzano le mie lacrime
Dolcemente mi abbracciano
Mani fredde sul mio corpo
Una spinta verso il vuoto e cado
Tra le ombre senza fine
Della mente del mostro: la mia