Hic Sunt Leones (2019)

by S.R.L.

/
1.
YA ... Dagli abissi risale il fetore corrotto – la parola tenuta segreta Penitenti, raccolti, in preghiera – sotto un cielo di nuvole e fiamma ... YA! Dal profondo del Cosmo l'orrore si sveglia – su colori mai visti dall'uomo Orrendo si nutre, consuma, vorace – nascosto alla luce ... YA, YA, YA Cthulu f'taghn YA, YA, YA Cthulu f'taghn Ri'lye Su comando di antichi appetiti – echeggiano nomi mai detti Altri Dèi, più lontani, più selvaggi – la voce nel vento sussurra ... - YA, YA, YA Cthulu f'taghn YA, YA, YA Cthulu f'taghn Ri'lye Come i fantasmi del tempo che è stato – fan dimora della nostra soglia E la punta, della penna, del Poeta – stilla sangue sulla verità ... Noi siamo le vittime ... Noi siamo le vittime ...
2.
Benvenuti al museo delle cere – come fosse l'Inferno! Una foresta di volti – immobili! Ci fissano dal buio – sono come serpenti sanno tutto di noi! Guarda … la marcia dei dannati – implorano, per la libertà … che non sarà concessa – il coro delle ombre siamo stati, giudicati – e trovati colpevoli siamo immersi nel ghiaccio … tra le anime affrante – per beffare il Destino in un cimitero di sogni – che non voleranno mai più … siamo il sangue di Dio – mescolato nel fango siamo una colpa – nascosta … segreta … benvenuti al museo delle cere! Siamo stati, condannati – da occhi di vetro su lascrime di cera sciolta! Le urla nella testa – come avessero i denti senza nessuna pietà… Ascolta … le voci dei morti – profetizzano, su quel che sarà… e non può più cambiare – il nostro ammonimento Siamo stati, soppesati – come pezzi di carne sospesi su un lago di sangue! Siamo stati, condannati – da occhi pieni di larve su lacrime false e bugiarde! Benvenuti al museo delle cere benvenuti al museo delle cere
3.
Un velo di tenebre... - Sugli occhi e sul cuore – come un sudario – inciso nel pimbo! Come una pietra – pietra tombale – ornata di fiori! Come la fine – la fine del mondo – scritta nel cielo! Come se il fuoco – covasse all'interno – segreto! - Tenebre! - La pietà della notte ... Tenebre! - Sul nostro terrore ... Tenebre! - Per lenire l'orrore ... Tenebre! - Che marcisce nell'anima ... - Perché lo so, che non è lo stesso – che il tempo non torna più ... Perché ricordo, che ogni cosa che ho perso – lentamente svanisce nel buio ... - Tenebre, Tenebre, Tenebre - La pietà della notte... Tenebre, Tenebre, Tenebre - Sul nostro terrore ... Tenebre, Tenebre, Tenebre - Per lenire l'orrore ... Tenebre, Tenebre, Tenebre - Che marcisce nell'anima ... - Perché non chiedo che, sia di nuovo lo stesso – il passato non conta più ... Perché il ricordo, di ogni cosa che ho perso – lentamente svanisce nel buio ... - lentamente, lentamente, lentamente svanisce nel buio ... lentamente, lentamente, lentamente, lentamente!!!
4.
Rinchiusi in un guscio – corazzato di lacrime! Ognuno tradito – dal proprio dolore Profondamente sepolti – tra dubbi con cura intessuti Siamo superstiti – senza ne nome ne gloria ... - Strappato fuori dal tempo – l'istante dell'ultimo sguardo Lama che fiamme scatena – aride sotto la pelle Corteggiando l'oblio – come a cercare sollievo Come a fuggire per sempre – senza sapere nemmeno - Perché! Perché! Quando! Rimarremo da soli ... - Presi dal terrore nel raggiungere la cima Resi pazzi dalla nostra stessa ingenuità Soli nella stanza circondati dai fantasmi – intrappolati da ragni giganti Seppelliti vivi crudi sotto la roccia – arsi sul rogo della paranoia ... - Soffocando l'insorgere – di ogni mera emozione Distogliendo lo sguardo – dalla nostra natura Rinunciando alla vetta – per fuggire l'abisso Rinunciando a noi stessi – per paura di quel che potremmo - Non essere! Mai! Mai! Rimarremo da soli ...
5.
Sono i nostri pensieri più oscuri – ci trattengono come catene come ceppi coperti di rune – per bulloni la nostra viltà … perni d'acciaio nei nostri sorrisi – per non far deformare la carne la ceramica sotto la pelle – che nasconde le nostre bugie! Che nasconde le nostre bugie … sono le nostre azioni più abiette – come corde intrecciate di spine mentre l'oro si fonde in corone – per privarci della libertà … silicio e titanio nei nostri cervelli – per non far deformare il pensiero così che nulla possa sfuggire – alla nostra perfetta cesura come se il nostro destino – fosse già prestabilito come se il nostro futuro non ci appartenesse! Come se dentro le vene – non avessimo tutti del sangue che pompa, che scorre potente quando abbiamo paura … Soltanto la voce di Dio – può infrangere questo silenzio un altare in fiamme… - circondato dai demoni! Il frutto del sangue di Cristo – corrotto dai nostri peccati un altare in fiamme… - ora siamo demoni … Sono tutte le nostre menzogne – che ci fanno crollare nel fango come fossimo solo un riflesso negli occhi degli altri fiale di veleno sparse nel corpo – per non farci tremare la voce come il fiume risale la foce con l'alta marea! come se il nostro destino – fosse già prestabilito come se il nostro futuro non ci appartenesse! Come se dentro le vene – non avessimo tutti del sangue che pompa, che scorre potente quando abbiamo paura … ora siamo demoni … ora siamo demoni … ora siamo demoni ...
6.
Minuscola gemma – splendente scintilla zaffiro Di grazia, spietata – io canto ... - Tutta la nostra potenza – tutta la nostra ricchezza Tutta la nostra miseria – granelli di sabbia ... - Gioiello del Sole – fremente, pulsante di vita Di crudele, armonia – io canto ... - Tutte le nostre battaglie – tutte le nostre conquiste Tutte le nostre sconfitte – solo cenere ... - Tutta la nostra arroganza ... Tutta la nostra follia – tutta la nostra follia! - Come marionette – manovrate dall'alto Come frammenti spazzati dal vento ... - Gli imperi in rovina – la caduta dei grandi ... Il terrore ancestrale – della Notte che incombe Senza forma né nome – di fronte alle ombre Un sasso scagliato nel vuoto – scagliato nel vuoto! - Un sasso scagliato nel vuoto – scagliato nel vuoto ... - Soltanto un ciottolo – disperso nell'oscurità Di amara, ironia – io canto ... - Di tutte le nostre illusioni – tutti i sogni macchiati di fango Di tutta la gioia e il dolore – insignificanti ... - Di tutta la nostra arroganza ... Di tutta la nostra follia – tutta la nostra follia! - Come un mosaico – guardato dall'alto Come schegge taglienti ... - Il peso del Cosmo infinito – l'equilibrio sottile! Chiave di volta ... - dell'equazione di Dio! Le galassie distratte – non nutrono alcun interesse Un sasso scagliato nel vuoto – scagliato nel vuoto ...
7.
Il vecchio arabo pazzo – con mano cieca disegna In una goccia di sangue – segreta! Delle antiche leggende – più vecchie ancora di Dio La Luna canta - il deserto - Sono lacrime amare – il prezzo del tradimento! - Mentre il Sole geloso – sorge piano da oriente Per separare - gli amanti! Ora il volo del falco – rende chiara la via Che fugge – sull'orizzonte! - Giù nel fondo del pozzo – ricoperta dal fango La progenie di Scorpio attende! Su nell'lato del cielo – trasportata dal vento Una risata oscena! - Di Luna e deserto! Di Luna e deserto ... - Sono lacrime vane – il prezzo di quest'urgenza Sono ossa annerite – che raccontano adesso ... - Di Luna e deserto! Di Luna e deserto ...
8.
Noi siamo quelli – che spiano nascosti Come scorpioni – celati e pazienti - Mentre il Sole si arrende dal cielo – l'uragano fiorisce sul mare Le padine del gioco divino – levano suppliche vane e derise ... - Oltre lo sguardo – tra incubo e sogno Oltre la vita e la morte – un destino più cupo ... - Mentre scruti l'Abisso – vertigine! Tieni gli occhi sul buio e vedrai, che qui – ci sono i leoni! - L'equilibrio del Cosmo è distrutto – una linea tracciata sul Libro La prole mutante e contorta di Dio – è lasciata a se stessa nel mondo ... - Come un castello di carte – spazzato dal vento d'estate ... Come schegge di vetro – sul nostro cammino ... - Mentre affondi nel buio – vertigine! Con commosso terrore vedrai, che qui – ci sono i leoni ... - Vedrai, che qui – ci sono i leoni! - Siamo l'orda che preme alle porte – siamo l'onda che scuote le coste La consacrazione dell'ombra più nera e malvagia che il mondo circonda ed avvolge ... - Noi siamo i mostri – delle vostre leggende Il risveglio di un odio più ingiusto – un destino più cupo ... - Mentre affoghi nel sangue – vertigine ... Con i ganci nel petto saprai, che qui – ci sono i leoni!!!
9.
Sulla cima insanguinata del mondo L'uomo senza volto attende – con la morte negli occhi ... - L'ennesimo giorno – nel paradiso degli empi Che di virtù si nutre – il peccato tramuta in poesia ... Per l'ennesimo giorno - scegli una faccia diversa Come un vestito pulito – per vivere vite non tue! - Come il serpente – che muta la pelle Che muore nel Sole e rinasce più forte! - L'ennesima notte – sotto questo cielo al mercurio Che speranza divora – la ragione tramuta in follia ... Per l'ennesima notte – scegli una preda diversa Per nutrire il tuo ego – propagato nell'eternità ... - Come uno specchio puntato – sulla parte più oscura di noi Lo sguardo che gela le vene – E' la Mano Sinistra di Dio ... - L'uomo senza volto ... - Come un rapace – che cala in picchiata Nascosto dal Sole protende gli artigli mortali! - Quando l'alba e il tramonto – rosso sangue drappeggiano il mondo Di paura ti sazi – la menzogna diviene realtà ... Come mucchi di cocci – sul sentiero che segue i tuoi passi Come urla tra i denti – un segreto che non svelerai! - Come un veleno che spenga – nel cervello la vitalità La ferita che tieni nascosta – il segreto che non svelerai ...
10.
Mezzanotte! al primo rintocco – risponde il silenzio mentre il pianto – fa da coro al secondo e di sbarre e catene – d'inchiostro cingiamo il buio feroce – che modre da dentro il terzo ed il quarto – sconvolgono la nostra ragione – ridotta in frammenti come una statua – di ferro e granito come una promessa – al quinto si spezza la mente … il sesto sussurra – l'orrore nascosto di ogni momento – per sempre scolpito, nel ghiaccio al settimo – il segreto è svelato mentre l'ottavo – incalza alle spalle … mezzanotte! Al nono rintocco – qualcosa si rompe mentre il sospetto – evolve in angoscia come il decimo – invoca i fantasmi dall'undicesimo – le fiamme attraggono il dodicesimo – proclama arrogante d'amore, di morte – di altre sciocchezze ...
11.
12.
Siano le zanne e gli artigli o una lama veloce e massiccia purché si uccida al più presto per saziare una fame infinita Tutto, devi perdere tutto Nutrire il tuo odio Tutto! Tu devi perdere tutto! Sempre più forte, più simile a me Affonda in questo liquido nero e lascia pure andare il controllo perché si agguanti al più presto con gioia e con rabbia la luce che bramo Tutto, devi perdere tutto! Tutto quello che ami Tutto, devi distruggere tutto! Sempre più solo, più simile a me Afferra, azzanna, massacra con selvaggia euforia, un festino di sangue! Trafiggi, ammazza. Strazia la carne indifesa e tremante, fino a restare da solo… e mentre combatti coi mostri sei sempre più simile a loro e mentre trattieni la bestia, la bestia pian piano è sempre più simile a te Tutto, Devi perdere tutto! Tutto quello che provi Tutti! Tu devi ucciderli tutti! Sempre freddo, più simile a lui E ad ogni passo avanti nel buio l'umanità ti scivola via e ad ogni nuova vita che spegni la sete di sangue cresce sempre di più! E notte dopo notte continui a discendere questa spirale e la voce che ti urla nella testa è sempre più forte. Uccidi, uccidi, uccidi. Tutto, devi perdere tutto! La luce, la voce, il calore Tutto, tu devi perdere tutto! Sempre più forte, più simile a lui Devasta, macella, tortura con feroce allegria, un festino di sangue Tormenta, punisci, divora. Un folle banchetto e stanotte la Bestia trionfa
13.
La lancia degli Elohim trafigge la debole mente dell'umanità Sotto il piede di Marduk è sconfitta Tiamat Tra delirio e menzogna l'orbita di Nibiru Si stringe, colpisce il nostro bisogno di giustificare L'orrore, la notte Gli strali di luce Che attraversano il cielo Anunnaki Il puzzo d'incenso che ci tiene sedati Infesta confonde le nostre sapienze, stolida follia La fine del mondo annunciata da una vaga profezia La resurrezione promessa dal boia in persona Il fumo negli occhi Distorce la vista Dall'amara verità Nibiru la malata ossessione il sospetto marcito Nel sangue diffonde La persecuzione il nostro cupo bisogno L'amore, la morte, la vita, il terrore
14.
Ora venite a vedere! Le fronde degli alberi scosse dal vento, gelato Che soffia da cime distanti Su in alto le nuvole si addensano piano Con calma spietata, pronte alla grande tempesta E da dentro il mio cuore i fulmini spezzano l'oscurità Per nascondere il pianto, proclamo tempesta nell'alto dei cieli Mentre il Sole svanisce divorando i colori E il mondo sembra vestirsi di grigio! L'orizzonte che esplode solo dentro ai miei occhi Racconta, l'orrore Mentre il ghiaccio ritorna (manto leggiadro di candida morte!) a serrare la morsa (ora!) Su in alto le nuvole più basse e veloci (ora!) Si scagliano a terra Nella mia mente come dentro una cella E intanto fuori la vita che passa Come se un muro mi tenesse diviso dagli altri Per malta la mia paranoia In mezzo alla gente come fossi da solo Solo tra i fantasmi Inchiodato a una croce che non voglio però mi appartiene Come il morso di un cobra E da dentro il mio cuore i fulmini spezzano l'oscurità Per nascondere il pianto, proclamo tempesta nell'alto dei cieli Mentre il mare si gonfia e aggredisce la riva L'abisso diventa vicino La pazzia che ci prende che fa tremare i polsi Come d'incendio divampa Il Signore del Tuono si riscalda la voce Del suo canto rimbomba il Creato Un tetro martello a percuotere il suolo E sotto i piedi si apre l'Inferno BOOM!

about

The music style is a powerful and fast thrash/death metal with lyrics in Italian language talking about everyday's life. "Hic Sunt Leones" was an Ancient Romans' motto to indicate the unexplored and unconquered lands. This is what S.R.L. want to do with the new album: exploring new boundaries of their yet unique style, melting the heavy metal sound with the thrash and death metal energy, allowing the listener to experience that mixture. The album is such a trip towards the unknown, while each song has got a different mood, melody and evolution.

“Hic Sunt Leones” will be released worldwide by ROCKSHOTS RECORDS on February 08, 2019 and its pure and genuine thrash/death metal energy, along with a solid production and a powerful tracklist, will sweep you away!

credits

released February 8, 2019

RockShots Records

ENG: The three “HIC SUNT LEONES”‘s bonus tracks (“Bestia”, “Nibiru “ and “Tempesta”) are available for digital download through S.R.L. official bandcamp’s page: srlmetal.bandcamp.com
The band will donate the entire income to the Italian Civil Protection Department, to give their small help for the Covid-19 emergency.
Jerico, founder and bass guitarist, says: “these are times of world health emergency, so we had the need to redesign our daily life, our habits and also the way we live our music.
It came out soon the urge to give our small contribute to those who fight the virus through our music.
I hope many will understand it, and buy our songs to reach a double goal: to help us contribute and to complete the listening of our latest concept album “ Hic Sunt Leones”.

ITA: Le tre bonus track di “Hic Sunt Leones” (“Bestia”, “Nibiru” e “Tempesta”) sono disponibili per il download digitale anche tramite le pagine bandcamp ufficiale: srlmetal.bandcamp.com
Gli S.R.L. devolveranno tutti i ricavati dei download e le relative royalties alla Protezione Civile Italiana per l’emergenza Covid-19.
Jerico, fondatore e bassista della band, dichiara a tal fine: “In questo momento di emergenza sanitaria mondiale, quando anche noi come band ci siamo ritrovati a dover reinventare la nostra quotidianità, le nostre abitudini ed il nostro modo di vivere la musica, ci è sembrato doveroso contribuire con la nostra musica ed i nostri pensieri. Spero che in molti rispondano alla nostra proposta, non solo per conoscere meglio la band e per completare l’ascolto ed il concept di “Hic Sunt Leones”, ma anche per consentirci di poter dare il nostro piccolo contributo come band”.

license

all rights reserved

tags

about

S.R.L. Terni, Italy

S.R.L. is a band formed in 1992 in Terni, Umbria (the green heart of Italy).
Countless shows and several releases hasn't stopped the band to keep going and on July 8th, 2013 their new EP «Unus Et Viginti» will be released.

contact / help

Contact S.R.L.

Report this album or account

If you like S.R.L., you may also like: